Detersione quotidiana del viso: latte e tonico, acqua micellare o sapone

 

come detergere il viso

detersione del viso

La pulizia del viso è un gesto quotidiano essenziale ed indispensabile per qualsiasi tipo di pelle. Serve ad eliminare le impurità accumulate durante il giorno che, se non vengono rimosse, accelerano la comparsa di inestetismi.

Viso e collo devono essere detersi sia al mattino che alla sera. Al mattino la detersione serve a rimuovere i residui delle creme notte e il sebo, a “svegliare” la pelle e a prepararla ai trattamenti successivi (per esempio il make up). Alla sera è fondamentale perché sul viso si sono depositate varie sostanze inquinanti ambientali (polvere, smog, ecc) che devono essere assolutamente eliminate prima di andare a dormire.

In commercio esistono diversi cosmetici, specifici per ogni tipo di pelle, in grado di rimuovere con efficacia trucco e impurità. Ne sono un esempio le acque micellari, i saponi e l’invincibile coppia latte detergente + tonico. Ma… quale scegliere? 

Latte detergente

È un’emulsione olio in acqua (O/A), una sorta di “crema fluida”. In quanto tale è costituita da una fase oleosa che ha il compito di sciogliere le particelle di grasso e da una fase acquosa che le allontana. E’ ideale per eliminare il trucco resistente e per soddisfare le esigenze di pulizia quotidiana poiché rispetta il pH della cute. Per via della componente grassa è indicato soprattutto per le pelli secche. In base alle varie esigenze è, poi, arricchito con ingredienti vegetali lenitivi, emollienti, dermopurificanti o idratanti come olio di Argan, burro di Karitè, Mandorle dolci, proteine del latte, estratti di Camomilla, Malva, Salvia o Albicocca, perciò mentre deterge efficacemente il viso, lo nutre e rende la pelle fresca e vellutata.

Come va applicato e rimosso il latte detergente?

Può essere applicato con un dischetto di cotone o, per una detersione più accurata, si può massaggiare il prodotto con le dita. Il dischetto di cotone infatti sposta soltanto lo sporco e il trucco da una parte all’altra del viso. Si risciacqua con l’acqua o con il tonico. Quest’ultimo rappresenta sicuramente la scelta più vantaggiosa.

Si può usare il latte detergente per struccare gli occhi?

No. Se oltre a detergere, devi anche struccare, è importante eliminare dapprima il trucco dagli occhi con uno struccante bifasico. Tale tipo di prodotto è più delicato rispetto agli struccanti tradizionali e gli occhi e la zona perioculare sono molto sensibili e delicati. Dopodiché si potrà procedere con la normale detersione di viso, collo e décolleté.

Tonico

Dopo aver deterso il viso con il latte detergente, non bisogna mai dimenticare di usare il tonico. Il suo uso non è da considerarsi secondario o addirittura inutile. Questa lozione infatti è un insostituibile complemento ideale per completare la pulizia quotidiana del viso. Aiuta a eliminare i residui di trucco e dello stesso latte detergente senza alterare lo strato protettivo naturale della pelle, anzi la rivitalizza. Inoltre serve anche ad eliminare eventuali tracce di calcare che l’acqua del rubinetto lascia sul nostro volto. Esistono vari tipi di tonici, alcuni senza alcol, ideali per le pelli delicate e sensibili. Altri arricchiti con sostanze astringenti, idratanti, addolcenti o oli essenziali, che rendono il cosmetico specifico per un tipo di pelle piuttosto che per un altro.

Per esempio, i tonici a base di estratti di Mirtillo, hanno proprietà  rivitalizzanti. Quelli a base di estratti di Hamamelis sono addolcenti, rinfrescanti e calmanti. I tonici a base di estratti di Rose invece possiedono proprietà tonificanti e idratanti.

Acqua micellare

A differenza del latte detergente, non ha bisogno di essere risciacquata. In unica soluzione sono associati azione detergente e tonificante. Anche in questo caso, esistono varie formulazioni con all’interno sostanze di origine vegetale  (per esempio estratti di Achillea o di Malva) dalle proprietà lenitive, addolcenti e idratanti  per le pelli secche. Oppure acque formulate con sostanze dotate di attività purificante e sebonormalizzante (per esempio lo zinco) ma anche lenitive per detergere e struccare le pelli grasse o miste con dolcezza. Il potere detergente è però dovuto alle micelle. Le micelle sono molecole di tensioattivi capaci di detergere la pelle in profondità. Agiscono attraendo lo sporco, il trucco, il sebo in eccesso e inglobandoli al loro interno, senza bisogno di strofinare.

Come va applicata l’acqua micellare?

Il prodotto applicato su un batuffolo di cotone e passato delicatamente sul viso è in grado sia di struccare che detergere. E’ adatto sia alle pelli secche che alle pelli miste o grasse. La pulizia può essere completata con la nebulizzazione di acqua termale sul viso. L’acqua termale rinfresca e lenisce soprattutto le pelli sensibili.

Sapone

La tradizionale saponetta non è ideale per la detersione quotidiana del viso in quanto potrebbe irritare la cute. Esso risulta aggressivo perché, essendo un sale, ha un pH alcalino che contrasta con il pH leggermente acido della cute e ne altera la flora cutanea. Una valida alternativa al sapone classico sono i syndets, meglio conosciuti come “saponi non saponi”. I syndets non sono alcalini e perciò rispettano il pH della pelle. Quelli in forma solida (panetto) rappresenta il detergente ideale per pulire il viso al mattino, quando non deve essere struccato, perché consente di detergerlo velocemente.

Infine, qualunque sia il detergente scelto, dopo la pulizia applica sempre una crema idratante, specifica per la tua pelle, sia al mattino che alla sera. Se hai dubbi o delle domande da pormi, lascia il tuo commento e sarò felice di aiutarti 🙂

Lascia un commento

*