Rimuovere i peli superflui senza inconvenienti

Ciao 🙂 oggi tratteremo un argomento che, soprattutto in vista dell’estate, tormenta tutte le donne. 🙁 Con la stagione estiva non solo si cerca di ottenere un’abbronzatura perfetta, ma si vuole anche avere un aspetto ben curato con gambe lisce e perfette. A volte però, proprio per la voglia di apparire perfette, si rischia di danneggiare la cute con i vari trattamenti di epilazione e depilazione. L’obiettivo di questo articolo è fornirvi delle dritte per rimuovere i peli superflui evitando di rovinare la pelle.

consigli per rimuovere i peli superflui senza rischi
luffa e guanto di crine per esfoliare la cute prima di rimuovere i peli superflui

I miei consigli per rimuovere i peli superflui senza intoppi

  1. Prima della depilazione/epilazione, preparate la pelle massaggiandola con acqua calda. Il calore dilaterà i pori ed ammorbidirà i peli consentendo una rimozione facilitata. Nel caso si usi la ceretta, prima di stenderla, assicuratevi che sulla cute non ci siano residui di creme. Spalmate sulla zona da depilare del borotalco. Il borotalco assorbirà il sudore e farà attaccare bene la cera all’epidermide rimuovendo i peli efficacemente con un solo strappo.
  2. Preferite le tecniche di epilazione (per esempio la ceretta) a quelle di depilazione (per esempio rasoio o creme depilatorie) per rimuovere i peli superflui. La ceretta strappando il pelo dalla radice provoca una minore comparsa di peli incarniti, che invece compaiono con molta più frequenza dopo l’uso del rasoio o delle creme. Queste ultime è consigliabile usarle sporadicamente, per esempio in quei periodi in cui il corpo è più sensibile al dolore, come, per esempio, accade nel periodo mestruale. In ogni caso, per ridurre il dolore, prima della ceretta, si può passare sulla zona da depilare un anestetico naturale: il ghiaccio
  3. Qualche giorno prima dell’epilazione (MAI lo stesso giorno) esfoliate la pelle. Usate un gel esfoliante, uno scrub dolce “fai da te”, un massaggio sotto la doccia con il guanto di crine oppure la spugna vegetale, la cosiddetta luffa (ideale soprattutto per i peli incarniti). La luffa è da sempre impiegata nei bagni turchi per massaggiare la cute delicatamente: se usata umida lo scrub sarà delicato; usata asciutta invece determinerà un’esfoliazione più energica. Esfoliare la cute sarà utile in caso di peli sottocutanei ma non solo. L’esfoliazione servirà a preparare la cute al primo sole estivo. Eliminerà le cellule morte permettendo alla pelle di abbronzarsi in maniera uniforme e duratura.
  4. Subito dopo aver usato il rasoio, la ceretta o il silk epil non esponetevi al sole. Le radiazioni solari rischiano di peggiorare l’irritazione e gli arrossamenti tipici della depilazione. Prima dell’esposizione al sole, inoltre, spalmate sempre una crema solare protettiva.
  5. Per non peggiorare le irritazioni post epilazione/depilazione, non depilate la stessa zona due volte consecutivamente. In caso contrario si rischia di provocare tagli o strappare lo strato più superficiale della pelle esponendo la cute al rischio di infezioni. Applicate, invece, sempre una crema lenitiva.
  6. Se soffrite di vene varicose o fragilità capillare, non usate la cera a caldo per rimuovere i peli superflui dalle gambe. Il calore infatti provoca la dilatazione dei vasi sanguigni peggiorando la situazione. La ceretta è vietata anche in caso di cute lesa.

    Attenzione alle complicazioni

    Una complicanza tipica dell’uso della ceretta, del rasoio (soprattutto quando usato contropelo) o del silk-epil è la comparsa della follicolite. Si tratta di un’infezione di origine batterica. Si presenta in seguito alla rimozione dei peli superflui con brufoli contenenti pus, rossore e prurito. L’infezione potrebbe richiedere il consulto del medico ed il trattamento con farmaci antibiotici. Per ridurre il rischio di infezione, bisogna sempre rimuovere i peli sottocutanei rimasti dopo l’epilazione con una pinzetta sterilizzata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*