Trattamento cosmetico della dermatite atopica preventivo e lenitivo

Cos’è la dermatite atopica e come si presenta

La dermatite atopica (o eczema atopico) è un’infiammazione cronica della pelle. Si presenta con prurito intenso, chiazze rosse, piccole vesciche, estrema secchezza, screpolature, irritazione e dolore. I sintomi variano in base alla gravità dell’infiammazione e colpisce varie zone del corpo e/o del viso. In particolare, le parti più colpite sono le guance (soprattutto nei bambini), l’interno dei gomiti, il collo, la zona intorno alla bocca, le mani, i piedi e la parte posteriore delle ginocchia. A soffrire di questa patologia sono, in percentuale maggiore, i bambini piccoli. Negli ultimi anni, tuttavia, sta aumentando sensibilmente il numero degli adolescenti e adulti colpiti da dermatite atopica. Non è una malattia contagiosa e, negli adulti, a soffrirne sono prevalentemente le donne.

trattamento cosmetico della dermatite atopica
I sintomi della dermatite atopica

Sappiamo bene che la pelle funziona come una barriera che ci protegge dai microbi che circolano nell’ambiente. In alcune persone però (per via di una predisposizione genetica, dei fattori climatici o ambientali – anche se non è ancora conosciuta la causa vera e propria –) la barriera cutanea protettiva non funziona come dovrebbe. Ciò causa l’entrata di microbi/allergeni all’interno della cute provocando una reazione infiammatoria e il conseguente prurito. Se non trattata possono manifestarsi anche complicanze: il prurito induce a grattarsi, grattandosi l’irritazione peggiora procurando lesioni gravi alla pelle che possono portare alla comparsa di infezioni.

La dermatite atopica è un tipo di infiammazione che alterna fasi acute a fasi di remissione. Questo vuol dire che ci sono periodi in cui l’infiammazione si manifesta e la pelle appare molto danneggiata e periodi in cui le lesioni e i sintomi si attenuano e la cute, pur restando molto sensibile, si presenta in buono stato. Visto che non esiste una cura definitiva, intervenire con un adeguato trattamento cosmetico è fondamentale per allungare la fase di remissione.

Cosa possono fare i cosmetici?

Come tutte le malattie, anche la dermatite atopica ha bisogno di essere trattata con dei farmaci (sia cortisonici che antistaminici e antinfiammatori per via topica e/o orale a seconda della gravità della dermatite) e richiede necessariamente il consulto del dermatologo. È importante trattarla adeguatamente perché provoca non soltanto i fastidiosi sintomi già descritti ma condiziona negativamente la vita sociale e lavorativa.

Come agiscono i cosmetici durante il trattamento della dermatite atopica?

Come già detto, non esiste una cura capace di risolvere una volta per tutte la dermatite atopica. Grazie alla terapia farmacologica, rigorosamente prescritta dal medico, si possono ridurre i sintomi e prevenire le recidive. Grazie al trattamento cosmetico, invece, viene ripristinata la barriera cutanea, vengono attenuate le irritazioni e la pelle sensibile resta protetta dai fattori irritanti che circolano nell’ambiente e scatenano la l’infiammazione.

Il trattamento cosmetico della dermatite atopica non è un sostituto della terapia farmacologica ma un coadiuvante. Attraverso l’uso dei cosmetici lenitivi, emollienti ed idratanti si può prevenire la riacutizzazione della dermatite ed allungare i periodi di remissione.

Un trattamento cosmetico adeguato (basato sull’applicazione di cosmetici specificamente formulati per la pelle irritabile e in accordo con il parere del medico) può essere d’aiuto soprattutto durante la fase acuta della dermatite per ridurre l’utilizzo di farmaci cortisonici topici (come l’idrocortisone). Tali farmaci vengono prescritti allo scopo di ridurre velocemente i sintomi ma hanno notevoli effetti collaterali se usati per lunghi periodi.

Non tutti i cosmetici, però, sono indicati. I cosmetici per il trattamento della pelle atopica devono essere scelti secondo un criterio ben preciso: devono contenere pochi ingredienti e non devono essere presenti sostanze potenzialmente allergizzanti. Ma vediamo nel dettaglio qual è il trattamento cosmetico da seguire in caso di dermatite atopica…

Trattamento cosmetico della dermatite atopica

Innanzitutto il trattamento cosmetico della dermatite atopica deve ricostituire la barriera cutanea ed idratare la cute donando alla pelle i fattori idratanti naturali (NMF) di cui è carente. Oltre ad idratare deve anche restituire sollievo dal prurito che si presenta nelle fasi acute.

Il trattamento cosmetico per la pelle sensibile con dermatite atopica prevede l’uso di detergenti e creme (per il viso ed il corpo) contenenti ingredienti estremamente delicati che  devono essere applicati tutti i giorni (anche più volte al giorno). I cosmetici per pelle atopica hanno il vantaggio di non perdere la loro efficacia se usati per lungo tempo, non avere effetti negativi e non indebolire ma, al contrario, rafforzare la barriera cutanea.

  • La detersione del viso, delle mani e del corpo

Il trattamento cosmetico della dermatite atopica inizia con una corretta detersione. La pulizia è il primo passo fondamentale per mantenere in buono stato la pelle atopica e non peggiorare i sintomi nelle fasi acute. Per detergere il corpo e il viso bisogna usare saponi, docciaschiuma, bagnoschiuma e detergenti ultra delicati. L’uso dei comuni cosmetici rischia di seccare la pelle, già delicata, favorendo o peggiorando le irritazioni. Le soluzioni per evitare ciò sono due:

  1. Un olio detergente da usare per il bagno o la doccia. Questo è ricco di oli di origine naturale altamente compatibili con la cute (come l’olio di Ricino, l’olio di Jojoba, l’olio di Oliva e/o l’olio di Macadamia). Essi idratano e ammorbidiscono la pelle senza ungerla.
  2. Detergenti liquidi “classici” ma formulati con tensioattivi delicati e perciò ideali per le pelli sensibili.

I tensioattivi (cioè le sostanze che detergono e provocano la schiuma) più “soft” e tollerati anche dalle pelli sensibili sono il sodium lauroyl methyl isethionate, la cocamidopropyl betaina, il potassium oleate o comunque tutti i tensioattivi anfoteri e non ionici. La loro delicatezza rende queste sostanze adatte alla pelle con dermatite atopica perché fanno pochissima schiuma e rispettano la cute minimizzando il rischio di irritazione. Per una detersione extra delicata, oltre ai tensioattivi, servono anche altri ingredienti dalle proprietà emollienti, rinfrescanti e lenitive come olio di Mandorle, Avena, bisabololo (estratto della Camomilla), Amido di Riso e/o Pantenolo.

Detergenti e creme delicati per il trattamento cosmetico della dermatite atopica
Detergenti e creme delicati per il trattamento cosmetico della dermatite atopica

I detergenti per pelli sensibili e reattive, che contengono i suddetti ingredienti, idratano la cute mantenendola morbida e sono ideali per la detersione quotidiana in quanto intervengono sui sintomi della dermatite atopica attraverso un’azione lenitiva e protettiva.

Per questo motivo tali prodotti (insieme alle creme di cui parleremo a breve) devono essere usati sia durante le fasi acute (quando cioè si manifestano i sintomi) sia durante le fasi di remissione (quando cioè la pelle è più “sana”). Ciò consente di mantenere idratata la cute ed allungare il più possibile la fase di benessere.

Qualche consiglio in più sulla detersione

Vista l’estrema delicatezza della pelle atopica è importante evitare quei detergenti formulati con tensioattivi più aggressivi come gli alchil-solfati (i famosi SLS e SLES ovvero il sodium lauryl sulfate e il sodium laureth sulfate).

Doccia e bagno non devono durare molto e la doccia deve essere preferita al bagno.  Quando ti lavi non usare spugne dure che possono graffiare la pelle già sensibile e irritata. Meglio lavarsi con le mani. Il calcare e il cloro dell’acqua del rubinetto possono riaccendere l’infiammazione. La doccia pertanto non deve durare più di 5 minuti e il bagno non più di 10.  L’acqua non deve essere troppo calda ma tiepida per non irritare maggiormente la pelle.

Per quanto riguarda il viso, la detersione è indispensabile perché devono essere rimossi dalla cute tutti gli agenti inquinanti che si sono depositati sul viso durante il giorno e che rischiano di sensibilizzare ancora di più la pelle. Bisogna usare prodotti a risciacquo e vanno scelti cosmetici con pH fisiologico 5.5. Nel caso in cui la pelle del viso sia molto sensibile e risente della durezza dell’acqua del rubinetto, allora bisogna usare un detergente viso senza risciacquo avendo, però, l’accortezza di passare il dischetto di cotone struccante su tutto il viso con delicatezza fino a pulirlo completamente senza lasciare residui di trucco.

Sono da evitare anche i cosmetici che contengono profumi, nichel e alcol. La saponetta classica non deve essere usata perché è aggressiva. Infine, per asciugarsi non bisogna mai strofinare ma tamponare la cute delicatamente.

  • Crema viso e corpo

Poiché la dermatite atopica non va mai trascurata, dopo una corretta e accurata detersione è necessario usare creme per il corpo e per il viso emollienti, protettive ma anche lenitive (soprattutto durante le fasi acute della dermatite quando il prurito è molto intenso). Dal momento che alla pelle atopica mancano i fattori idratanti naturali (NMF), la crema perfetta dovrà contenere lattato, ceramide, urea. Essi mantengono idratata e morbida la cute rigenerando e rinforzando la barriera cutanea.

Oltre a questi ingredienti, sia la crema per il viso che quella per il corpo dovranno contenere alte percentuali di uno o più dei seguenti ingredienti: estratti della radice di Liquirizia (dall’azione lenitiva e antinfiammatoria), pantenolo (idratante e lenitivo), burro di karitè (dalle proprietà nutrienti e disarrossanti), estratti di Camomilla (addolcente e disarrossante), ossido di zinco (dalle straordinarie proprietà calmanti e riparative), vitamina E (antiossidante fondamentale per le creme viso – anche in inverno – perché difende la pelle dall’azione lesiva dei radicali liberi che vengono prodotti in eccesso quando si scatena un processo infiammatorio) e acidi grassi omega 6. Gli omega 6 sono presenti in numerosi oli vegetali, hanno proprietà antinfiammatorie, emollienti e protettive.

Per beneficiare delle proprietà degli omega 6 bisogna scegliere ed applicare in abbondanza creme viso/corpo ricche dal punto di vista lipidico.  Sono l’ideale creme a base di olio di Enotera o olio di semi di Lino (ricchissimi di omega 6).

Sono ingredienti importanti per proteggere la pelle del corpo e del viso con dermatite atopica anche i siliconi. Non sono infatti ingredienti cosmetici da cui stare alla larga, ma, uniti alle altre sostanze già menzionate, necessari per creare un film protettivo che protegge la cute dagli agenti aggressivi.

Le creme a base di tali ingredienti devono essere utilizzate in associazione al trattamento con i farmaci prescritti dal medico durante la fase acuta e, soprattutto, durante le fasi di remissione per proteggere la pelle da arrossamenti e screpolature. In particolare, durante le fasi acute è necessario applicare creme lenitive che contengono anche mentolo o sui derivati per un’azione rinfrescante che riduce il prurito donando alla cute un notevole sollievo. Il prurito intenso e persistente infatti è uno dei sintomi più sgradevoli della dermatite atopica che, nei casi più gravi, impedisce anche di dormire. Nelle fasi di remissione invece questi ingredienti cosmetici mantengono la pelle nutrita e protetta.

I miei 10 pratici consigli  se soffri di dermatite atopica

  1. Prima di lavarti, applica sul corpo l’olio di oliva (che è ricco di insaponificabili). Dopo la doccia o il bagno, invece, spalma una crema emolliente che contenga gli ingredienti di cui ti ho parlato prima. Devi idratare la pelle applicando una crema emolliente almeno 1 volta al giorno. Soltanto mantenendo la cute sempre morbida e protetta ridurrai la frequenza delle recidive.
  2. Il cambio di stagione, in particolare l’arrivo dell’inverno e della primavera, sono  fattori che causano la riacutizzazione della dermatite. In queste stagioni le difese cutanee vengono messe a dura prova. Il vento, il freddo, l’umidità, il sole aggrediscono la pelle, soprattutto quella sensibile e facilmente irritabile. Per evitare tutto ciò applica sempre una crema specialmente nelle parti del corpo scoperte (mani e viso). La crema viso deve contenere sempre ingredienti antiossidanti (per esempio β-carotene o vitamina E) e un fattore di protezione solare, anche in inverno.
  3. In estate fai attenzione quando vai al mare o in piscina. Il cloro della piscina e il sale marino rischiano di irritare la pelle. Per questo motivo devi sciacquarti con acqua dolce dopo ogni bagno. Per quanto riguarda il sole, proteggi tutto il corpo con una crema con un fattore di protezione alto. Non esporti al sole nelle ore più calde della giornata.
  4. Usa abiti morbidi di cotone ed evita i tessuti sintetici. Anche dopo la doccia o il bagno, asciugati sempre con asciugamani in cotone.
  5. Truccati tranquillamente ma senza esagerare. Il makeup deve essere ipoallergenico, privo di nickel, profumi e coloranti. Meglio se preferisci prodotti per il makeup in polvere perché essendo meno resistenti si rimuovono con più facilità.
  6. Per rimuovere il trucco usa una crema struccante per pelle sensibile ma non strofinare molto quando usi i dischetti di cotone. Dopo aver usato la crema struccante sciacqua il viso con acqua e asciuga delicatamente. Ti sconsiglio l’uso sia dell’acqua micellare sia del sapone perché seccherebbero eccessivamente la cute.
  7. Evita o riduci tutte quelle situazioni che ti portano a sudare molto. Il sudore aumenta il prurito che accompagna le fasi acute della dermatite atopica. Anche situazioni molto stressanti e forti emozioni devono essere evitate o ridotte in quanto possono peggiorare le condizioni della tua pelle predisposta alla dermatite atopica.
  8. In caso di prurito intenso vaporizza sulla pelle infiammata l’acqua termale e appoggia sulla parte del corpo interessata un panno di cotone umido.
  9. Conserva le creme lenitive ed emollienti in frigorifero. Applicarle fredde calmerà maggiormente il prurito.
  10.  Proteggi le mani dal freddo e dai detersivi con i guanti. Lavale con acqua tiepida e nutrile con creme grasse a base di burri naturali come il burro di karité ma anche con creme contenenti ingredienti capaci di creare un effetto barriera. Questi ingredienti sono gli oli minerali (paraffina), i siliconi e i polimeri. Queste sostanze servono a proteggere la pelle delle mani da tutti quei fattori che possono scatenare la dermatite atopica (freddo, vento, raggi UV, detersivi aggressivi, ecc). L’azione protettiva è dovuta al film che essi creano sulla superficie cutanea che impedisce all’acqua di evaporare. Tutti questi ingredienti sono sicuri e ben tollerati anche dalle pelli sensibili.

Conclusioni

Ci tengo, infine, a ribadire ancora una volta il fatto che il trattamento cosmetico della dermatite atopica non sostituisce i farmaci prescritti dal dermatologo per curare l’infiammazione. I cosmetici, applicati quotidianamente, aiutano a proteggere la pelle, a calmare i rossori, il prurito e possono ridurre l’utilizzo dei cortisoni topici (come per esempio le pomate a base di idrocortisone).

Precedente La dieta di stagione: i cibi autunnali “salva-pelle e capelli” Successivo Tendenze make-up Natale 2017: come essere al top durante le feste