Lacca, mousse, cera, gel: alla scoperta dei cosmetici per lo styling

Mousse: cosa contengono i cosmetici per lo styling più amati dalle ricce

Le mousse di oggi hanno formule totalmente diverse da quelle degli anni passati. Sono spume che non appiccicano e sono, perlopiù, arricchite da ingredienti idratanti e nutrienti che non seccano i capelli. Gli ingredienti principali che contengono sono i fissanti (come il Polyquaterninium 68 o il Polyquaternium 4); i modellanti come i copolimeri acrilici (per esempio il VP/VA Copolymer che crea sulla superficie del capello un microfilm modellante ed ha anche discrete capacità fissanti); i tensioattivi (servono ad ottenere un prodotto schiumoso) ed i gas propellenti (per far fuoriuscire il prodotto dalla bomboletta). A seconda delle dosi e dell’associazione dei vari ingredienti si ottengono mousse che hanno un potere fissante più o meno forte. Si possono trovare in commercio anche spume bio dove gli ingredienti filmanti e condizionanti di origine chimica sono sostituiti da ingredienti di origine naturale con proprietà simili ma più eco-compatibili.

cosmetici per lo styling_mousse
la mia mousse preferita

Altri ingredienti non meno importanti che si ritrovano nelle spume sono i condizionanti: Pantenolo e Cetrimonium Chloride in testa. Il Pantenolo ha azione sia idratante che condizionante: non appesantisce il capello e lo rende lucido. Il Cetrimonium Chloride ha proprietà antistatiche quindi aiuta a ridurre l’elettricità statica dei capelli. Alcune mousse contengono condizionanti siliconici come il Peg/ppg18/18 dimethicone. Questo tipo di condizionanti siliconici si possono ritrovare anche nelle lacche. Servono a proteggere i capelli dall’umidità, dal vento e dalle aggressioni quotidiane che rischiano di increspare, elettrizzare e seccare la chioma. Nelle spume a base di ingredienti naturali, invece, possiamo ritrovare il condizionante Sodium PCA.

La mousse giusta…

Scegli sempre spume che contengono sia gli ingredienti fissanti e modellanti sia quelli nutrienti. Le spume di ultima generazione, infatti, sono arricchite da ingredienti dalle proprietà nutrienti come gli estratti di Semi di Lino, l’olio di Cocco, l’olio di Macadamia e da ingredienti funzionali che proteggono i capelli dagli agenti esterni come la ceramide-3.

Gel: la formula base di uno dei cosmetici per lo styling più usato

I gel sono cosmetici per lo styling a base principalmente di Carbomer (o polimeri acrilici). A differenza delle mousse non contengono né tensioattivi né gas propellenti. I carbomer sono ingredienti di sintesi utilizzati per ottenere gel trasparenti. Sono molto impiegati perché sono ingredienti economici, non appiccicosi, non appesantiscono i capelli e rendono il cosmetico piacevole da applicare perché non lasciano residui.

L’azione modellante e fissante dei gel è dovuta agli ingredienti idrofobici che formano un film lucido e trasparente che riveste il capello. Lo strato che si forma sostiene la pettinatura e ne aumenta la tenuta. Gli ingredienti più usati per tale scopo sono il PVP (INCI: Polyvinylpirrolidone), il PVA ed il Polyquaternium 4Il PVP forma una sottile pellicola che rende rigidi i capelli, permette di ottenere un buon fissaggio ed è responsabile dell’effetto “bagnato” tipico dei gel. In alcuni casi però l’effetto bagnato dei gel è dato dalla glicerina.

cosmetici per lo styling_gel tenuta estrema
gel tenuta estrema

Esistono vari tipi di PVP e non tutti sono resistenti all’acqua. Le forme di PVP utilizzate sono il K90 e il K30. Il primo offre una buona tenuta in condizioni climatiche normali ma non in caso di umidità. Il PVP K30, al contrario, formando una sottile pellicola, protegge i capelli anche in condizioni di pioggia ed elevata umidità impedendogli di diventare crespi. Per questa sua caratteristica il PVP K30 è molto usato anche nella formulazione delle mousse.

Il Polyquaternium 4, anch’esso resistente all’umidità e di origine sintetica, è un copolimero adatto soprattutto alle mousse e ai gel. Il PVA (INCI: Polyvinyl acetate) è resistente all’umidità ma non è caratterizzato da una forte tenuta pertanto viene generalmente associato al PVP: insieme rendono il gel resistente all’umidità e con un ottimo potere fissante.

Non solo ingredienti fissanti…

Ancora, nei gel per capelli si possono trovare ingredienti siliconici, per esempio il Dimethiconol. Questo è una gomma siliconica che ha un potere filmogeno elevato. Avvolge la fibra del capello formando un film elastico. I siliconi vengono molte volte associati al PVP in modo da proteggere la molecola dall’umidità evitando così che i capelli si scompiglino e diventino crespi. La natura chimica di questi ingredienti non deve preoccupare: i capelli non soffocano e non si rovinano. Si tratta infatti di ingredienti sicuri che ad ogni lavaggio vengono rimossi dal capello. Ciò a cui bisogna fare attenzione sono le dosi: non serve usare elevate quantità di gel. Questo accorgimento non vale però soltanto per i gel ma per tutti i cosmetici per lo styling.

Anche in fatto di gel esistono le versioni bio. Nei gel di origine naturale gli ingredienti modellanti sintetici sono sostituiti da gomme con proprietà gelificanti: Xanthan gum e Dehydroxanthan Gum le più usate.

Cera: alla scoperta di uno dei più moderni cosmetici per lo styling

La cera serve a modellare i capelli e non ha potere fissante. Proprio perché non ha potere fissante tra i suoi ingredienti non ci sono le sostanze fissanti tipiche del gel. Nella cera, per esempio, non troviamo PVP o PVA. Tali ingredienti sono però introdotti nelle cere-gel. Ovvero “cere” in cui sono associate l’azione modellante e il finish lucente della cera e le capacità fissanti del gel.

Le classiche cere modellanti, invece, contengono ingredienti modellanti appunto e filmanti come il VP/VA Copolymer che salvaguarda la piega dall’umidità. Contengono emulsionanti come i Ceteareth (2, 30 o 25), gli Oleth (20, 10 o 5) o Hydrogenated coco-glycerides. Le cere ad acqua contengono Glicerina e Propylene glycolLa glicerina tra le tante  proprietà assorbe l’umidità ed è idratante. Nelle cere ad acqua è responsabile anche dell’effetto bagnato e della lucentezza. Ha, però, il difetto di essere appiccicosa se usata a dosi elevate. Il propylene glycol, come la glicerina, assorbe l’umidità e serve a migliorare l’elasticità dei capelli.

cosmetici per lo styling_cera matt
le cere mat hanno una consistenza grassa

In base alla cera scelta si possono trovare nella formula anche ingredienti emollienti (per esempio il Dicaprylyl Carbonate), filtri UV e ingredienti di origine vegetale (come il burro di Karitè o oli vegetali). Nelle cere di origine naturale, invece, ingredienti modellanti molto usati sono la cera d’api (INCI: Cera Alba), il burro di cacao e l’olio di Cocco. Questi ingredienti sono allo stesso tempo modellanti, volumizzanti, nutrienti e ammorbidenti.

Il Titanium Dioxide ti aiuta ad identificare le cere mat: esso viene usato per dare opacità. L’Argilla è, infine, un altro valido ingrediente delle cere mat. Quelle cere cioè caratterizzate da un finish opaco ed un effetto naturale. In particolare l’argilla bianca (INCI: Kaolin) opacizza, dona corpo, definizione e volume ai capelli.

Ulteriori differenze…

Oltre agli ingredienti presenti nella formula della cera, puoi riconoscere una cera ad acqua da una opacizzante anche dal colore. Generalmente le cere ad acqua sono trasparenti mentre quelle opache sono bianche. Non è difficile però trovare cere mat di colore.

Lacca: cosa c’è all’interno del cosmetico fissante per eccellenza

Innanzitutto la lacca non deve essere confusa con gli spray fissanti. Entrambi hanno lo scopo di fissare la piega o l’acconciatura ma sono cosmetici per lo styling che si usano in momenti diversi. Se lo spray fissante può essere applicato prima di dare ai capelli la forma desiderata, la lacca invece può essere vaporizzata soltanto ad acconciatura ultimata o, al massimo, durante il brushing per aumentare il volume. Anche la consistenza dei due cosmetici è diversa: mentre la lacca rilascia minuscole particelle che depositandosi sui capelli sono impercettibili (se viene vaporizzata alla giusta distanza); lo spray fissante essendo più liquido dà un effetto bagnato.

cosmetici per lo styling_lacca fissante
lacca fissante a base di ingredienti di natura chimica

Per quanto riguarda la formula, al primo posto nella lista ingredienti di una lacca si trova sempre l’Alcohol denaturato. Questo è usato come solvente ma poiché in un cuoio capelluto sensibile può provocare secchezza la lacca deve essere usata con moderazione ed evitando le radici. La lacca è composta poi da gas propellenti. Tra l’INCI troviamo quindi i famosi Butane, Propane, Isobutane che, come per la mousse, servono a spingere fuori il prodotto dalla bomboletta. Meno conosciuto è invece il dimetil etere (INCI: Dimethyl Ether). Il dimetil etere è un propellente meno usato perché ha un costo più alto. Ha un buon profilo tossicologico ma è molto infiammabile e fa parte dei composti volatili che contribuiscono all’effetto serra anche se non danneggia lo strato di ozono.

Ma andiamo al cuore della formula…

La lacca è il cosmetico fissante per eccellenza e pertanto anche qui troveremo ingredienti fissanti già visti nella formula delle mousse o dei gel. Possiamo ritrovare in un lacca fissanti come il PVP ma anche polimeri fissanti come il Sodium Polyitaconate che fissa senza appesantire e che viene usato perlopiù nelle lacche bio in virtù della sua elevata biodegradabilità. L’ingrediente fissante per eccellenza è però il va/ crotonates/ vinyl neodecanoate copolymer. Il nome potrebbe lasciare un pò perplessi ma niente paura  😉  si tratta di un polimero sintetico, assolutamente sicuro, non irritante formato da vinilacetato, acido crotonato e neodecanoato di vinile. Questa sostanza è dotata di un ottimo potere fissante, filmogeno e da una buona resistenza all’umidità. Ha inoltre il vantaggio di non appiccicare e far restare il capello morbido.

Non solo fissanti e propellenti…

Anche le lacche possono essere impreziosite da ingredienti di origine vegetale (ad esempio olio di Lino o olio di Argan) che sono sicuramente sostanze utili ai capelli. In particolare l’olio di Argan è eccellente perché protegge la capigliatura dall’umidità. Fai però attenzione alle etichette dei cosmetici: all’interno dei cosmetici per lo styling (e dunque della lacca) sono generalmente presenti pochissimi ingredienti vegetali e a percentuali davvero molto basse quindi non sempre quanto dichiarato in etichetta corrisponde al vero. Le lacche bio sicuramente contengono più oli ed estratti vegetali ma la tenuta non può essere paragonata alle lacche contenenti ingredienti di sintesi.

cosmetici per lo styling_lacca bio
Le lacche bio non hanno una tenuta estrema come le lacche a base di ingredienti sintetici

Le lacche di oggi, come tanti altri cosmetici, hanno formule originali. Per essere giudicata di buona qualità la lacca deve avere una caratteristica principale: non deve lasciare tracce. Una lacca di qualità non lascia residui bianchi, non appiccica e non lascia sui capelli un odore sgradevole. Una buona lacca inoltre andrà via facilmente dopo aver spazzolato i capelli. Scegli quindi il fissaggio che preferisci ma non rinunciare mai alla piacevolezza ed alla leggerezza: cambia lacca se i tuoi capelli saranno appesantiti o sembreranno sporchi anche dopo un uso corretto ed una vaporizzazione alla giusta distanza.

Un ultimo prezioso cosiglio

I capelli sono sempre sottoposti a centinaia di fattori inquinanti e stressanti. Il mio consiglio è quello di scegliere ed acquistare i cosmetici per lo styling più adatti ai tuoi capelli e le texture che più ti piacciono ma senza rinunciare alla protezione. Acquista ed usa cosmetici per lo styling che contengono filtri UV e sono dunque in grado di proteggere la tua capigliatura dagli stress ambientali.

Non sai quale tra questi cosmetici per lo styling fa al caso tuo? Scoprilo cliccando qui.

Precedente Cosmetici per lo styling: come scegliere quelli giusti per i tuoi capelli Successivo Vacanze al mare: il kit di cosmetici da spiaggia da portare con te