Il trattamento cosmetico per preparare la pelle al sole della bella stagione

Una corretta alimentazione resta una delle principali regole per mantenere la pelle sana e giovane. A inizio primavera, infatti, vi ho spiegato come preservare la salute della cute mangiando cibi tipici della stagione primaverile. In questo articolo, invece, scopriremo la skincare routine primaverile cioè come idratare l’epidermide dall’esterno e prepararla al sole della bella stagione attraverso una serie di piccoli accorgimenti quotidiani.

skincare routine primaverile
il trattamento cosmetico di primavera per sfoggiare una pelle radiosa

Se infatti è vero che una corretta idratazione parte dall’interno attraverso l’assunzione della giusta quantità di acqua e di cibo, è anche vero che una corretta skincare routine primaverile è fondamentale per ridonare alla pelle la luminosità persa durante la grigia stagione invernale. Per risvegliare la pelle e prepararla al sole dopo un inverno in cui, a causa del freddo, la cute si è screpolata, disidratata e irritata, dobbiamo esfoliare, idratare dall’esterno e proteggere la pelle dal sole e dall’inquinamento. Scopriamo di più…

1° step della skincare routine primaverile: l’esfoliazione

La pelle ispessita e spenta dal freddo invernale ha bisogno di essere levigata. Eliminare le cellule morte è il primo passo della skincare routine primaverile che conferisce alla cute un aspetto luminoso. Non è necessario fare ricorso ai trattamenti esfolianti estetici o professionali, per un efficace rinnovo dell’epidermide basta effettuare uno scrub meccanico a casa utilizzando i comuni esfolianti corpo e viso che si trovano in commercio.

Lo scrub per il corpo e per il viso da scegliere deve essere efficace ma delicato: preferisci uno scrub per il corpo contenente micro-sfere di pietra pomice (perfetto soprattutto per una buona azione levigante dei piedi) oppure sale marino ed oli essenziali. Per il viso scegline uno contenente micro-granuli di semi di albicocca o jojoba, micro-cristalli di zucchero o micro-sfere di cellulosa. Grazie all’azione dei granuli la pelle sarà purificata dalle cellule morte, più liscia e morbida: pronta a ricevere i trattamenti successivi. Il trattamento esfoliante rendendo uniforme la pelle la prepara ai primi soli primaverili e facilita anche la rimozione dei peli incarniti. Ripeti il trattamento esfoliante ogni 10 giorni ma non esporti al sole subito dopo il trattamento.

slincare routine primaverile_esfoliazione
esfoliante corpo: io per praticità preferisco fare lo scrub mentre sono sotto la doccia…e tu??

Se cerchi un trattamento esfoliante che vada bene sia per il corpo che per il viso e adori “spignattare” ti consiglio lo scrub al miele. E’ semplice e veloce da preparare in casa: trovi qui la ricetta. E’ ideale soprattutto per le pelli più secche e che si irritano facilmente.

trattamento esfoliante piedi

Una parte del corpo a cui bisogna dedicare qualche attenzione in più durante l’esfoliazione sono i piedi. I piedi sono una delle prime parti del corpo che si inizia a scoprire a primavera. Per sfoggiare dei piedi da urlo devi curarli e coccolarli attentamente: la sola cura delle unghie non è sufficiente. Inizia massaggiando i piedi con lo scrub: concentra la tua attenzione in particolare sui talloni (la parte dei piedi che si ispessisce e si screpola più facilmente). Per un’azione mirata ti consiglio di usare uno scrub contenente micro-sfere di pietra pomice. Questo tipo di esfoliante ti aiuterà a levigare i calli e gli ispessimenti eventualmente presenti.

Procedi dunque inumidendo i piedi, applica l’esfoliante sulla pianta e sui talloni e massaggia. Insisti, con movimenti circolari, sui talloni e sulle zone con callosità. Estendi il massaggio anche sul dorso dei piedi e poi risciacqua. Completa il programma di benessere applicando una crema rigenerante specifica per i piedi. Stendi e spalma la crema su tutto il piede senza dimenticare gli spazi tra le dita. Ricorda, inoltre, che mentre lo scrub non può essere effettuato quotidianamente la crema invece deve essere stesa rigorosamente tutti i giorni.

Qualche cura in più per i piedi: Il pediluvio

Dopo un lungo inverno in cui i piedi sono rimasti chiusi per tutto il giorno all’interno delle scarpe, magari anche scomode, a primavera è il caso di dedicare qualche minuto in più alla loro cura. In caso di piedi molto secchi e callosi fai un pediluvio immergendo i piedi in acqua tiepida per almeno 10/15 minuti. Aggiungi all’acqua tiepida un olio da bagno.

skincare routine primaverile_pediluvio
dopo un lungo inverno concediti un pediluvio emolliente e rilassante

Per un pediluvio sia nutriente che levigante, invece, puoi dapprima massaggiare i piedi con olio di cocco e poi lasciarli per 10/15 minuti in ammollo in 4 litri di acqua tiepida a cui aggiungerai un infuso di corteccia di salice e 2 tazze di sale. Mentre i piedi sono in ammollo pratica un leggero massaggio. I tuoi piedi in questo modo beneficeranno prima delle proprietà nutrienti dell’olio di cocco e poi delle proprietà esfolianti dell’acido salicilico. Quest’ultimo ammorbidirà la pelle più dura e secca. Dopo il pediluvio passa delicatamente una lima apposita sulle zone callose per eliminare la pelle in eccesso. Infine applica la crema per piedi o l’olio per il corpo. I tuoi piedi ti ringrazieranno  😉

Curiosità sui piedi: perché si formano i calli?

I calli, anche se esteticamente per nulla gradevoli, rappresentano una protezione per i piedi. Sono piccole porzioni di pelle dure che compaiono come segno di difesa. Si formano in seguito all’uso di scarpe troppo scomode e strette. A causa dell’uso eccessivo di scarpe con tacchi troppo alti o anche per colpa di scarpe più grandi del proprio numero che sottopongono i piedi a continui sfregamenti. Ancora, si formano se si ha la costante abitudine di camminare scalzi. Il contatto continuo con superfici dure è responsabile della comparsa dei calli. Previeni dunque la formazione dei calli usando scarpe comode e riposanti ed evitando di camminare a piedi nudi in luoghi non adatti.

2° step della skincare routine primaverile: l’idratazione

Dopo aver pulito la pelle del viso (sia al mattino che alla sera) e quella del corpo con acqua rigorosamente tiepida e detergenti (bagnoschiuma/docciaschiuma e detergenti viso) specifici per il proprio tipo di pelle, bisogna passare all’idratazione. In particolare, dopo aver fatto lo scrub la pelle ha assolutamente bisogno di una crema idratante: dopo l’esfoliazione deve essere infatti ricostituito il film idrolipidico cutaneo. Inoltre, le giornate, a primavera, iniziano ad essere sempre più calde col passare dei giorni e la cute ha bisogno di un elevato apporto di acqua. E’ importantissimo bere circa 2 litri di acqua al giorno ma non basta solo idratare il corpo dall’interno: è necessario usare un’ottima crema idratante.

Tutto il corpo deve essere idratato con le creme apposite ma le parti che hanno bisogno di più idratazione sono il viso, il collo, i gomiti, le ginocchia e le gambe. Sono infatti le parti del corpo che, insieme ai piedi, vengono scoperte ed esposte alle prime calde giornate primaverili. La crema perfetta in questa stagione deve essere idratante ma non pesante: con il caldo le texture ricche e corpose non affatto piacevoli. Ti consiglio pertanto di scegliere creme per il corpo e per il viso in gel o fluide e leggere.

Crema viso leggera

In particolare per il viso usa creme o sieri dalla consistenza acquosa ma dai potenti effetti benefici: in questa stagione quelle migliori sono a base di acido ialuronico (potente idratante) e acqua termale. Sia che tu abbia 20 anni o 40 l’acido ialuronico è perfetto per dissetare efficacemente la pelle e rivitalizzarla. L’azione dell’acqua termale donerà invece freschezza. Un altro ingrediente chiave è l’aloe vera: un prezioso ingrediente idratante ma anche lenitivo. Questi ingredienti sono ottimi anche per ripristinare lo strato protettivo della pelle.

skincare routine primaverile
per la mia skicare routine primaverile scelgo il siero idratante (e dalla consistenza acquosa) con acido ialuronico di La Roche Posay

Crema corpo leggera

Anche la crema per il corpo deve essere piacevole e facilmente assorbibile. Gli ingredienti che deve contenere una crema corpo leggera sono l’Aloe vera, il burro di Karitè, l’olio di Argan ma anche ingredienti come il glyceryl stearate (che può essere di origine vegetale o chimica). Quest’ultimo ha proprietà emollienti, è capace di ridurre la perdita di acqua cutanea e riduce l’untuosità di altri ingredienti (per esempio alcuni oli) più “pesanti” presenti nella formula. Così come l’ethylhexyl palmitate: un olio dalle proprietà emollienti ricavato dall’olio di cocco e dall’olio di palma. E’ un ingrediente introdotto nelle creme dalla texture leggera (sia corpo che viso) perché ha un tocco asciutto e non rende il cosmetico untuoso.

Sia la crema corpo che quella viso devono essere stese e massaggiate tutti i giorni dopo la doccia e la pulizia del viso. Sia al mattino che alla sera.

3° step della skincare routine primaverile: la protezione

L’ultimo step per preparare la pelle alla primavera consiste nel proteggerla dalle radiazioni solari e dall’inquinamento. La primavera fa venire voglia di passare finalmente un po’ di tempo all’aperto. Che sia una giornata rilassante al parco, una corsetta, po’ di sport all’aperto o una passeggiata l’importante è che prima di uscire si applichi sulla pelle del viso e del corpo un cosmetico protettivo. Dobbiamo proteggere, infatti, la nostra cute sia dai raggi solari sia dalle sostanze inquinanti. E’ vero che dai raggi solari bisogna proteggersi tutto l’anno, anche in inverno, ma a primavera il sole diventa sempre più forte. A maggio e giugno i raggi UV raggiungono la massima intensità pertanto l’epidermide va protetta usando creme con un fattore di protezione più alto rispetto all’inverno.

Protezione del viso

La crema viso oltre a contenere gli ingredienti idratanti visti nel 2° step deve contenere filtri UVA e UVB. Una crema con SPF alto (30 e 50) protegge dal foto-invecchiamento e rafforza la capacità della pelle di contrastare i primi segni del tempo. Per una protezione completa la crema deve anche essere a base di ingredienti antiossidanti come vitamina E, tè verde (o bianco), melograno o uva rossa. Questi ingredienti combattono i radicali liberi che si formano durante la giornata a causa dell’esposizione al fumo e all’inquinamento cittadino.

skincare routine primaverile_protezione viso
la crema leggera ideale a primavera: coniuga l’idratazione dell’acido ialuronico alla protezione degli ingredienti antiossidanti e dei filtri UV

Protezione del corpo

Anche il corpo deve essere protetto con creme e lozioni specifiche. In particolare dopo il trattamento esfoliante la pelle deve essere protetta con un fattore di protezione alto. Lo scrub rende la pelle più vulnerabile all’azione del sole perciò non dovresti esporti al sole dopo un trattamento esfoliante. Se hai, però, intenzione di uscire e non vuoi proprio rinunciare ad indossare la tua gonna preferita proteggi le gambe (o qualsiasi altra parte del corpo esposta al sole ed esfoliata) con una crema con SPF 30 o 50. Al posto della quotidiana crema corpo idratante, applica un solare in spray per proteggerti dal sole. Questo tipo di cosmetico è caratterizzato da una texture impalpabile. E’ il cosmetico perfetto per  idratare e, soprattutto, proteggere la pelle dalle radiazioni perché non appiccica, non unge ed è di facile applicazione.

skincare routine primaverile_protezione solare
spray solare dalla texture leggera e delicata: idratante e protettivo

Usa i cosmetici con la protezione solare a prescindere se hai una carnagione chiara o scura. Il sole colpisce tutti e causa danni a prescindere dal colore della pelle. Se resti sotto il sole per lungo tempo, porta con te lo spray solare e riapplicalo più volte. Riapplicalo spesso, soprattutto, se fai sport all’aperto e sudi.

Seguendo questi 3 semplici step della skincare routine primaverile la tua pelle sarà pronta ad uscire di casa ed affrontare le belle giornate di sole. Buona primavera  😎

Precedente Come leggere l'etichetta dei cosmetici

Lascia un commento

*